italia.gov.it

Il portale del cittadino è IL portale della PA per eccellenza, “una piazza virtuale nella quale incontrare una amministrazione amica, più semplice da comprendere e da raggiungere“: almeno… è così che si presenta.
Ma è una piazza lussuosa, intendiamoci, che ci costa 9.900.020,00 euro (IVA esclusa) per 36 mesi.
Fatti i conti sono 275.000 euro al mese, 532 milioni del vecchio conio ogni 30 giorni.
Praticamente 17,75 milioni (delle vecchie lire) al giorno. E’ tanto ? E’ poco ? E’ il giusto ? Vediamo.

Anzitutto, a cosa serve ? Per dirla secondo la redazione del portale:

In Italia.gov.it troverete supporto allo svolgimento delle pratiche, risposte a dubbi e curiosità, notizie sui fatti del giorno e sui principali eventi del mondo istituzionale, un aiuto nei momenti più importanti come la scelta della scuola, la ricerca di lavoro, il pagamento di un’imposta.
L’archivio del portale è quotidianamente alimentato da nuovi servizi come quotidiane sono le notizie pubblicate dalla redazione.

Maggiori informazioni si trovano nella Guida del Portale.

Ma vediamo più nel dettaglio da dove arriva questo sito.
Si tratta di uno dei vari “regali” dell’era Lucio Stanca, regali soprattutto nel prezzo; l’allora ministro dell’ Innovazione e delle Tecnologie lo presentava così:

Il portale nazionale per i servizi al cittadino “Italia.gov.it” nasce con l’obiettivo di superare la vecchia logica di offerta del servizio pubblico che richiedeva la conoscenza da parte del cittadino del processo di erogazione (chi fa che cosa) e costituire un’unica sede virtuale in cui si incontrano la domanda di informazioni e servizi del cittadino e l’offerta di informazioni e servizi della Pubblica Amministrazione centrale e locale.

Il bando originale (gara europea) risale al 5 agosto 2004. N. documento TED: 2004-131087-IT ed è emesso dal CNIPA.

Denominazione conferita all’appalto dall’amministrazione aggiudicatrice:
Pubblico incanto per l’appalto dei servizi informatici connessi alla evoluzione e gestione del Portale Nazionale del Cittadino “www.italia.gov.it”.
Descrizione/oggetto dell’appalto:
L’appalto consiste nella erogazione dei servizi di seguito elencati connessi al portale nazionale del cittadino:
a) servizi continuativi:
– gestione tecnica;
– gestione della sicurezza;
– manutenzione degli applicativi;
– redazionali;
– contact center;
– monitoraggio degli accessi al portale;
b) servizi a richiesta:
– sviluppo del portale;
– consulenza;
– arricchimento dell’offerta formativa del portale.
Quantitativo o entità totale:
Importo complessivo massimo presunto 16.100.000,00 EUR IVA esclusa.
L’aggiudicazione avviene secondo i seguenti criteri:
1: offerta tecnica: fino ad un massimo di 70 punti, ripartiti come segue:
a) qualità della proposta tecnica organizzativa: fino a 35 punti;
b) qualità dei servizi a richiesta: fino a 14 punti;
c) qualità delle risorse proposte: fino a 11 punti;
d) qualità esperienze editoriali e informatiche di siti web e portali: fino a 10 punti;
2: offerta economica: fino ad un massimo di 30 punti.
Durata dell’appalto o termine di esecuzione:
36 mesi dalla data di approvazione del contratto, oltre ad ulteriori 3 mesi al massimo per lo start up e l’affiancamento iniziale.
Tipo di procedura:
Aperta.

L’appalto è aggiudicato il 17.2.2005, l’avviso è pubblicato su TED con documento 2005-83931-IT (I-Roma: Servizi di gestione connessi all’informatica), a:
R.T.I. (Raggruppamento Temporaneo di Impresa) tra EDS Italia SpA (mandataria) e Elsag SpA, Engineering SpA e Giunti Interactive Labs s.r.l. (mandanti).
Prezzo complessivo: 9.900.020,00 IVA esclusa, contratto parte a corpo e parte a misura.
Punteggio ottenuto dall’aggiudicatario: 76,17/100.

Grandi nomi dell’informatica italiana e dell’editoria, come si vede. Quindi cosa attendersi se non il meglio del meglio del WEB?

Sbagliato: fatevi un giro sul sito.
Chi si è scandalizzato per il portale del turismo www.italia.it, costato secondo bando 7.850.000 euro + IVA, qui troverà pane per i suoi denti: pane rancido.

In pratica il sito è null’altro che un insieme di links a siti esterni, catalogati in varie sezioni distinte.
Per ciascun link una o due righe al massimo di commento: l’aspetto redazionale è veramente misero, in linea con il design del sito, del quale forse riparleremo in altro post. Servizi reali offerti: Zero.zero. A parte forse il poter parlare con un operatore.

Se fate click su Accedi ai servizi di italia.gov.it, nella sezione Carta Nazionale dei Servizi (in home page), vi appare :

Forbidden

You don’t have permission to access /servlet/cnsaccess.jsp on this server.

Anche la parte del sito riservata alla ricerca di lavoro (c’è il posto per te, sic! ?!?), che dire… è semplicemente ridicola.

italia.gov.it. il posto

Infine l’area dedicata alla formazione (servizio a richiesta, in bando):

italia.gov.it.formazione

Questi sarebbero i corsi disponibili, con relativo fornitore ed anno di produzione:

ECDL – Patente europea del computer

Basi di dati (Versione Accessibile) | (Versione Flash) CNIPA 2005

Comunicazioni (Versione Accessibile) | (Versione Flash) CNIPA 2005

ECDL start – Non vedenti Regione Emilia Romagna 2003

Elaborazione Testi e Presentazioni (Versione accessibile) | (Versione Flash) CNIPA 2005

Foglio elettronico (Versione accessibile) (Versione Flash) CNIPA 2005

Fondamenti (Versione accessibile) | (Versione Flash) CNIPA 2005

ICT

Accessibilità dei siti web AIPA (CNIPA) 2002

Reti di calcolatori – Gestione di Reti AIPA (CNIPA) 2002

Reti di Calcolatori – Infrastrutture per reti di calcolatori AIPA (CNIPA) 2002

Reti di calcolatori – Reti di computer in tecnica Windows 2000 AIPA (CNIPA) 2002

Reti di calcolatori – Reti di computer in tecnica TCP/IP AIPA (CNIPA) 2002

Reti di calcolatori – Reti di computer in tecnica Unix e Linux AIPA (CNIPA) 2002

Reti di calcolatori – Sicurezza e gestione della sicurezza dei sistemi distribuiti AIPA (CNIPA) 2002

Sistemi operativi e sistemi aperti AIPA (CNIPA) 2002

Web Publishing & computing – Architetture per applicazioni client/server AIPA (CNIPA) 2002

Web Publishing & Computing – Componenti e linguaggi per software client side e server side AIPA (CNIPA) 2002

Web Publishing & computing – Esercizio, manutenzione e amministrazione di un server Web AIPA (CNIPA) 2002

Web Publishing & computing – HTML e linguaggi di scripting AIPA (CNIPA) 2002

Web Publishing & computing – Integrazione di applicazioni AIPA (CNIPA) 2002

Web Publishing & computing – Modellazione e presentazione dei dati AIPA (CNIPA) 2002

Web Publishing & computing – Sicurezza delle applicazioni e delle comunicazioni AIPA (CNIPA) 2002

LINGUE STRANIERE

Arabo livello A1 della scala del Consiglio d’Europa – Principiant concesso da Capturator Srl 2006

Cinese livello A1 della scala del Consiglio d’Europa – Principiante concesso da Capturator Srl 2006

Inglese livello A1 della scala del Consiglio d’Europa – Principiante concesso da Capturator Srl 2004

Inglese livello A1 della scala del Consiglio d’Europa – Principiante concesso da Capturator Srl 2004

Spagnolo livello A1 della scala del Consiglio d’Europa – Principiante concesso da Capturator Srl 2004

Spagnolo livello A2 della scala del Consiglio d’Europa – Elementare concesso da Capturator Srl 2004

SEMINARI

La firma Digitale CNIPA 2005

Smart Card CNIPA 2005

Sulla qualità dei corsi vi invito a verificare di persona.

In definitiva, come possa questo sito costare 10 milioni di euro in tre anni, in pratica 9000 euro al giorno, è un vero mistero: altro che italia.it questo sì è davvero uno scandalo, roba da denuncia immediata alla magistratura.